Il “Canto di Natale di Topolino”: il cortometraggio must delle feste natalizie
Televisione

Il “Canto di Natale di Topolino”: il cortometraggio must delle feste natalizie

Un cortometraggio che rispecchia i valori più autentici del Natale, e che cerca di raccontare - a grandi e piccoli - il valore delle cose buone, in pieno stile Disney

Il “Canto di Natale di Topolino” non è solo un cartone animato Disney a tema natalizio. Sono tantissimi i cartoni animati che hanno raccontato il romanzo di Dickens, chi in maniera eccellente e chi arrangiandosi alla buona. La peculiarità della versione Disney sta nel filo narrativo impiegato: scorre candido, come la più buona fetta di panettone che tu abbia mai mangiato. Il cartone animato esce nel 1983, come adattamento musicale e animato del romanzo di Dickens “A Christmas Carol”.

Il romanzo diventa spunto di un racconto parallelo dove ritroviamo alcuni storici personaggi come Paperino, Topolino, Minnie e tanti altri. Zio Paperone diventa personaggio adatto per interpretare Scrooge – avido uomo non tanto lontano dalla tradizione figura affidata allo zio di Paperino – alle prese con i fantasmi del Natale passato, presente e futuro. Il cortometraggio dura in totale 20 minuti e ci porta di fronte alla vigilia di Natale, in un’Inghilterra risucchiata nel freddo che si prepara a festeggiare il Natale.

Ebenezer Scrooge, che ha solo se stesso e il suo denaro, riceve nel corso della notte la visita del suo ex partner in affari Jacob Marley, e subito dopo incontra i tre spiriti del Natale, che lo aiuteranno a recuperare la bontà nel suo cuore. I disegni ricordano la vecchia tradizione Disney, anche se con qualche tocco di innovazione e bellezza. Un cortometraggio che ti penetra dentro e ti fa riflettere sulla bontà che abitualmente teniamo chiusa in uno scaffale, come un vecchio corredo che nessuno userà mai.

286 letture