“Il mondo in fiamme”: i disastri ambientali e le nuove soluzioni nel libro di Naomi Klein
Libri

“Il mondo in fiamme”: i disastri ambientali e le nuove soluzioni nel libro di Naomi Klein

Il libro vuole essere un’anti-novella attuale sulla protezione della terra e dell’ambiente, e su quelle che possono essere le possibili soluzioni al problema

Il racconto dei disastri ambientali dell’ultimo decennio nel nuovo libro di Naomi Klein “Il mondo in fiamme” – edito da Feltrinelli -, un’anti-novella attuale sulla protezione della terra e dell’ambiente. Filo conduttore il “Green new deal”, descritto nelle sue finalità e nelle sue indagini.

Il libro non vuole essere un saggio esplorativo e accademico, piuttosto la proiezione di ciò che viviamo ogni giorno, ma che spesso tralasciamo a favore della monotonia inquinante di tutti i giorni. L’autrice apre la sua riflessione portando la testimonianza dell’eroica Greta Thunberg, la ragazza svedese che ha deciso di sfidare il Parlamento svedese manifestando da sola a favore della difesa del clima. La sua protesta, partita in solitaria, ha coinvolto sempre più persone, ed oggi la Thunberg ricopre uno dei ruoli più decisivi sul tema del cambiamento climatico.

Tra gli altri argomenti spicca il disastro ambientale avvenuto nell’aprile del 2010, quando l’esplosione di una piattaforma marittima nel Golfo del Messico ha portato la fuoriuscita di grandi quantità di petrolio nelle acque statunitensi.

L’autrice, con una scrittura niente affatto appesantita da temi complessi e lineari, sottolinea l’influenza che l’inquinamento da combustibili fossili e l’agricoltura industriale hanno sul nostro clima, provocando una specie di sfasamento temporale che impedisce loro di arrivare ad una fonte di cibo che ne garantisca la sopravvivenza.

Ma l’autrice non utilizza il suo racconto per presentarci solo le catastrofiche condizioni del pianeta: una soluzione c’è e si chiama “Green new deal”, un programma di “salvataggio” raccontato dalla Klein come rimedio ai processi quasi irreversibili dell’inquinamento globale. Un libro che in realtà vuole raccontarsi come un’ancora di salvataggio, ma il problema resta sempre lo stesso: quanto siamo disposti a lasciare andare le nostre convinzioni inquinanti a favore di un cambiamento possibile e non così lontano?

275 letture