L’esistenza umana spiegata in tre grandi progetti artistici al Maxxi di Roma
Il museo Maxxi di RomaArte

L’esistenza umana spiegata in tre grandi progetti artistici al Maxxi di Roma

Tre nuovi progetti al Maxxi di Roma per raccontare la spiritualità ed i suoi significati: tra questi un focus su Enzo Cucchi

Tre nuovi progetti prendono vita al Maxxi di Roma – già in programma da giovedì 17 ottobre e fino a domenica 8 marzo – per raccontare di un uomo con la tensione verso il sacro, l’inquietudine dell’ignoto e il desiderio di superarsi. Stiamo parlando della mostra “Della materia spirituale dell’arte”, del focus su Enzo Cucchi e del nuovo allestimento della collezione museale, tutti e tre legati da una riflessione comune sul perché dell’esistenza umana, sotto una luce storica ed attuale.

La mostra “Della materia spirituale dell’arte”, a cura di Bartolomeo Pietromarchi, riunisce le opere di 19 artisti contemporanei relazionandole con 17 reperti archeologici etruschi, romani e di produzione laziale, presi in prestito dai Musei Vaticani, dal Museo Nazionale Romano, dal Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia e dai Musei Capitolini. La mostra vuole essere un percorso ricco di suggestioni, focalizzando l’attenzione sul simbolismo sacro e su ciò che è incomprensibile in un’epoca dominata dalla macchina.

La sacralità dell’umano e disumano rimane al centro di grande focus su Enzo Cucchi, in programma fino a domenica 19 gennaio. A cura di Eleonora Farina, l’artista è protagonista con un’unica opera, una scultura in marmo, che ritrae un putto, al cui alluce appare aggrappato uno scorpione. Il gesto di Cucchi prova a ricordare l’immagine classica di un bambino nudo, ma in chiave contemporanea, mescolando arte e mito, sogno e mistero.

Lo stesso fascino verso la dimensione spirituale si ritrova, infine, nel nuovo allestimento al centro della Galleria 1, che presenta opere di Stefano Arienti, Gregorio Botta, Paolo Canevari, Joan Jonas, Luca Nostri, Eduardo Stupía e un omaggio a Cristiano Toraldo di Francia. Tre grandi eventi artistici che rilanciano il Maxxi come centro culturale e laboratorio di idee, nella volontà che proprio dall’arte possano nascere opportunità per affrontare le sfide del presente sotto una nuova luce.

225 letture