“Oppenheimer”, Nolan potrebbe aver prodotto un altro cult
Cillian Murphy nei panni di Robert Oppenheimer. Foto: thehollywoodreporter.itCinema

“Oppenheimer”, Nolan potrebbe aver prodotto un altro cult

Il regista di Interstellar, Inception e Il cavaliere oscuro colpisce ancora con il suo nuovo lungometraggio che uscirà il 21 luglio nelle sale statunitensi.

Si intitola “Oppenheimer” il nuovo film di Christopher Nolan che in Italia uscirà il 23 agosto.

Questa volta, l’amato cineasta ha voluto raccontare la storia del fisico Robert Oppenheimer, il padre della bomba atomica che guidò il progetto Manhattan rimanendone psicologicamente provato.

A vestire i panni del fisico statunitense è l’attore irlandese Cillian Murphy, amatissimo e particolarmente apprezzato negli ultimi anni per le sue doti artistiche e per aver interpretato il personaggio di Thomas Shelby nella serie di successo Peaky Blinders.

Christopher Nolan, in un’intervista a Wired, ha raccontato che i primi spettatori “non riescono a parlare” dopo la visione del film che “è una specie di film dell’orrore” e ha poi commentato “è un’esperienza intensa, perché è una storia intensa.”

Nolan ha anche parlato di un aspetto che potrebbe rivelarsi molto interessante per la stragrande maggioranza degli spettatori, ovvero del finale complesso che a quanto pare presenterebbe delle analogie con il finale di Inception. Penso che ci sia una relazione interessante tra i finali di Inception e Oppenheimer da esplorare ha commentato, creando tanta attesa nei fan già in trepidazione.

La coppia Nolan-Murphy promette bene, ma bisogna pazientare ancora un po’ per poter appurare se Oppenheimer possa entrare a far parte della lista di cult del regista britannico.

666 letture